Pubblicato in: Senza categoria

Recensione/327 – La stanza delle farfalle (L. Riley)

foto mia

Autore: Lucinda Riley

Titolo: La stanza delle farfalle

Editore: Giunti

Prima ed: 2021 (edizione speciale per edizioni intimità)

Prezzo cartaceo: €7,90

Dati: 2021, pag. 579

Pagine: 573

tempo di lettura: 29 Ottobre – 21 Novembre 2021

Sinossi: Alla soglia dei 70 anni, Posy vive ancora a Admiral House, la casa dove ha trascorso la sua infanzia a caccia di splendide farfalle e dove ha cresciuto i suoi figli, Sam e Nick. Ma di anno in anno la splendida villa di campagna è sempre più fatiscente e ha bisogno di una consistente ristrutturazione che Posy, con il suo impiego part-time nella galleria d’arte, non può proprio permettersi. Forse, per quanto sia doloroso abbandonare un luogo così pieno di ricordi, è arrivato il momento di prendere una difficile decisione. Coraggiosa e determinata, abituata a cavarsela da sola ma premurosa e sempre presente nella vita dei suoi familiari, Posy si convince a vendere la casa. Ma è proprio allora che il passato torna inaspettatamente a bussare alla sua porta: Freddie, il suo grande amore, l’uomo che avrebbe voluto sposare cinquant’anni prima e che era scomparso senza dare spiegazioni, è tornato e vorrebbe far di nuovo parte della sua vita. Come se ciò non bastasse, Sam, con le sue dubbie capacità imprenditoriali, si mette in testa di rilevare Admiral House e Nick, dopo anni in Australia, torna a vivere in Inghilterra. Esistono segreti terribili, il cui potere non svanisce nel tempo e solo il vero amore può perdonare. Posy ancora non sa che sono custoditi molto, troppo, vicino a lei.

Il mio pensiero: Probabilmente non avrei mai letto nulla di questa scrittrice, se non mi avessero consigliato questo libro. A dire il vero avrei voluto iniziare direttamente con i sette volumi della saga “Le sette sorelle”, ma mi è stato sconsigliato, almeno per il momento.

Il libro in questione  ruota intorno alla figura di Posy, una donna che inizialmente vediamo nascere, poi con la sua età effettiva: settant’anni. Per un bel po’ le avventure che si susseguono seguono un ritmo normale, ma poi nelle vite dei protagonisti si avvicendano tutta una serie di sciagure che piombano loro tra capo e collo. Il romanzo è incentrato soprattutto sulla figura di questa donna anziana, che – con molta fatica – riesce a tenere salde le redini di questa famiglia, tra discordie, malumori e tradimenti. Anche se in alcune occasioni, vediamo Posy scoraggiata, è comunque una donna che non si perde d’animo, ed è bello vedere – pagina dopo pagina – tutta l’energia che impiega per sistemare le cose nella sua famiglia, non risparmiandosi mai. Trattandosi di un romanzo al femminile,  incentrato sulle donne di questa grande famiglia, che include nuore, figli, suocere e nipoti, i personaggi maschili si possono contare sulle dita di una mano, ma la descrizione di ciascuno di loro è comunque particolareggiata, con i loro pregi e difetti.

I capitoli che narrano la vicenda agrodolce di questo romanzo si snodano tra il Giugno 1943 ed il Dicembre 2006, per poi concludersi definitivamente con un capitolo dal titolo Sei mesi dopo, ovvero a Giugno 2007. In tutto l’arco di questa vicenda, la maggior parte dei capitoli è raccontata in terza persona, eccezion fatta per quelli riguardanti Posy, che sono narrati in prima persona.

Questo libro mi ha dato l’opportunità di conoscere una brava autrice (purtroppo scomparsa di recente), ma anche un bellissimo libro, ben costruito, in cui i dovuti momenti romantici, si alternano con i dovuti momenti di climax.

In questo romanzo l’autrice mette in luce i vari sentimenti dei protagonisti: l’amore, la rivalità, la gelosia ed altri ancora con molta nonchalance, ma soprattutto senza artifici. Questa capacità dell’autrice ha fatto sì che i personaggi risultassero veri nelle loro manifestazioni, al punto che in alcuni momenti ho avuto l’impressione di trovarmi sul “set” allestito dalla Riley a fare da osservatore a tutto quello che si svolgeva davanti ai miei occhi. Insomma, come prima volta per aver letto un suo romanzo, non posso che ritenermi pienamente soddisfatto!

Il mio giudizio:

2 pensieri riguardo “Recensione/327 – La stanza delle farfalle (L. Riley)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.