Recensione/222 – Non volevo, ma sorrido (N. Veltri)

Autore: Nadia Veltri
Titolo: Non volevo, ma sorrido
Editore:
ISBN:
prima ed.: 2018
Prezzo ebook: 0,99
Dati: 51 pag., 2018

Sinossi: Un viaggio attraverso le difficoltà della vita guidati da uno spietato ottimismo capace di dare un tocco di magia anche ai giorni più bui. Confidare nei sogni, sempre e comunque, considerati veicoli di guarigione, coltivati con audacia e dedizione. Infine sorridere sempre affrontando le avversità, perché malgrado tutto in un semplice sorriso si nasconde la chiave per la felicità.

Il mio parere: Generalmente non sono il tipo di persona che desidera leggere libri riguardanti le malattie altrui, perché ho paura mi rattristino; forse, quando ho ordinato questa offerta del giorno in ebook su Amazon, non ho proprio letto la trama, e l’ho scaricato così. d’amblé! Ma devo ammettere che ne è valsa la pena.

Nadia e suo marito vivono a Napoli, e sono una famiglia povera; i due sono disccupati, e lei è anche portatrice di un carcinoma duttale invasivo. Questo breve racconto fa vedere ai lettori come non ci si debba scoraggiare di fronte alle difficoltà, ma occorra andare avanti, cercando di fare tutto quello che è possibile, ma soprattutto non isolarsi, cercare di circondarsi di tutte le persone possibili, a cominciare dalla famiglia.

Combattete, fieri e impavidi contro la malattia, contro ogni sorta di difficoltà e sono sicura che la vita prima o poi vi premierà, perché non può andare sempre tutto storto, prima o poi le cose cambiano, ricordatevelo bene, cambiano davvero per tutti.

In questo racconto, Nadia dimostra di non essere questo genere di persona, in quanto ha subito il calore e l’affetto della famiglia, ma anche quello degli amici, anche di quelli che vivono nelle regioni più lontane, che offrono a lei e a suo marito tutto il sostegno di cui hanno bisogno

Come giustamente dice l’autrice, sapendo che i tuoi momenti qui sulla terra possono essere pochi, in frangenti come il suo, occorre fare quello che avresti sempre voluto fare nella vita, e così non si lascia sfggire un viggio in Costa Azzurra, visitando città come Nizza e Montecarlo, dove attira tutti gli sguardi su di sé, poiché invece di mangiare nei ristoranti chic della zona, lei ed il marito si accontentano di un semplice, ma soprattutto economico, panino con l’hamburger.

A dispetto dell’argomento, che non è tra i più leggeri da affrontare, questo non è un libro triste; anzi, è gradevole alla lettura, e ha anche dei momenti che in qualche modo potrei definire romantici, per delle descrizioni che la Veltri fa tra le pagine.

Il mio giudizio:

5 pensieri riguardo “Recensione/222 – Non volevo, ma sorrido (N. Veltri)

    1. grazie, cara Sara; sono proprio contento che questa recensione ti sia piaciuta! ❤ Avevo tanti timori quando ho deciso di affrontarne la lettura, ma poi le pagine del Kindle sono scorse sotto le dita, e alla fine mi è piaciuto. 😉 Grazie per essere passata, leggerti è sempre un piacere! 🙂
      un abbraccio anche a te cara Sara ❤

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.