Due nuovi acquisti librosi

Potevano mancare, nella mia libreria, due nuovi libri? Naturalmente no!

Da tempo su Amazon ho in lista diversi libri; inizialmente questa lista era composta di tre/quattro pagine, poi – col passare del tempo -, eliminando i testi cui non ero più interessato, o quelli già acquistati, la lista si è ridotta ad un’unica pagina.

Così, approfittando del fatto che pochi giorni prima era stato il mio compleanno, domenica mattina sono stato alla Feltrinelli; con me avevo una lista cartacea di sei/sette libri da acquistare, di quelli presenti sulla lista Amazon; ma non li ho acquistati tutti, limitandomi solo a due: La fine del pensiero occidentale, di Charles Freeman, e all’Autobiografia di un dandy, di Oscar Wilde. Il primo, me lo consigliò mio zio tempo fa, poiché si parla di una Cappella della Basilica; il secondo invece l’ho acquistato per conto mio, perché mi piacciono le opere di Oscar Wilde.

freeman Sinossi:

La conversione al cristianesimo di Costantino (312 a.C.) portò nella civiltà occidentale e nel cristianesimo stesso un cambiamento i cui effetti durano ancora oggi. Prima di allora l’impero romano aveva assorbito e sostenuto la tradizione intellettuale greca, che aveva raggiunto nuove vette nell’astronomia di Tolomeo, nella medicina di Galeno e nella filosofia di Plotino. Costantino impresse una svolta radicale a questo mondo: dalla civiltà relativamente aperta, tollerante e pluralistica del mondo ellenistico si passò a una cultura basata sul dominio di un’unica autorità, fissa e immutabile. Il secolo successivo alla conversione di Costantino vide lo sviluppo di un’alleanza tra chiesa e stato che soffocò e represse la libertà di pensiero e la tradizione del razionalismo greco ad essa intrinseca. Le chiese godettero di un imponente patrocinio e di enormi esenzioni dalle tasse; in cambio permisero agli imperatori di farsi carico della definizione e imposizione di un’ortodossia religiosa sempre più angusta e rigorosa. Questo libro indaga il modo in cui il pensiero europeo fu bloccato dalla rivoluzione del quarto secolo. Esso esamina la nascita della monarchia ’divina’, lo scontro che portò alla dolorosa separazione del cristianesimo dal giudaismo, il conflitto tra fede e ragione, e le difficoltà di trovare una qualche specie di fondamento razionale alla teologia cristiana. In questi secoli, un punto di svolta per la civiltà occidentale, vediamo lo sviluppo dell’antisemitismo cristiano, le origini del contrasto tra religione e scienza, e le radici del malessere cristiano nei riguardi del sesso, problemi che tormentano le chiese cristiane ancora oggi. La fine del pensiero occidentale è un’importante opera di storia. Ambiziosa e di ampio respiro, il suo tema centrale è la relazione tra le due sorgenti della nostra civiltà, la giudeo-cristiana e la greco-romana, e il modo in cui le loro tensioni e i loro dissidi hanno creato la cultura in cui noi continuiamo a vivere, pensare e credere.

 

wilde Sinossi:

Nei saggi finora inediti raccolti in questo volume, Oscar Wilde ritrae se stesso al centro della società del suo tempo, o, meglio ancora, contro di essa. Le passioni, le insofferenze, le pose, le folgoranti ironie e le improvvise, snobistiche ingenuità che fecero di Wilde l’emblema del movimento estetico inglese si esprimono qui con straordinaria immediatezza sullo sfondo di una Londra fin de siècle nella quale divampa il dibattito letterario e artistico tra i cultori della tradizione accademica e i difensori dell’ideale dell’arte per l’arte. Frutto della sua collaborazione a numerosi giornali e riviste negli anni che Wilde dedicò all’attività giornalistica, i saggi raccolti in questa ideale autobiografia, veri e propri dialoghi con i lettori, possiedono l’ineguagliabile pregio di fissare e di restituire in tutta la sua ricchezza una delle caratteristiche più essenziali e più effimere dell’arte di Oscar Wilde: la sua inimitabile capacità di conversazione.

Annunci

6 pensieri su “Due nuovi acquisti librosi

  1. Ma caspita quindi ho perso l’occasione di farti gli auguri per il compleanno? Mannaggia!! Devo stare più attenta e cercare di non trascurare il blog…in ogni caso aspetto come sempre una tua opinione sui libri, quando li avrai letti 😉

    Liked by 1 persona

    • Non ti preoccupare, Francesca, hai altri 355 giorni di tempo per ricordartelo! 😉 Dai, sto scherzando, ovvio! 😉 Può succedere, non ti preoccupare… Ad ogni modo, ti prometto che non appena li finirò inserirò qui la mia opinione. Ti abbraccio. 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...