Una strana sensazione di felicità

Che poi, strana… Sì, forse sì, a giudicare da quello che è successo oggi alle prove del Coro.

Ma andiamo con ordine.

Nel post sull’inizio di questo nuovo anno canoro vi avevo annunciato i brani per il concerto di Natale che aveva distribuito il Maesto. Ebbene, tra questi ce n’è uno musicato da L. Perosi che non ci è piaciuto mentre lo stavamo provando. Giudicate voi: vi sembra che un brano contenente i sostantivi terror e dolor possa essere adatto ad una ricorrenza gioiosa come il Natale? Personalmente non la penso così; così il brano – con il consenso del Maestro – per ora è stato tagliato fuori, in attesa di sostiture le parole; o – quanto meno – di renderle in maniera più… aulica, forse?, così da rendere il canto più bello. Ero in macchina con il Maestro, che mi ha riaccompagnato a casa, ed indovinate un po’ a chi spetterà questo compito? Proprio a me! Inutile dire che mi sento lusingato per questo onore, non credete?

Con il Maestro abbiamo parlato anche di una sreie di poesie che, su suo consiglio, gli avevo dato per essere musicate; mi ha detto che in questa settimana ha del tempo disponibile, e ci lavorerà su… Ma ci pensate che bello ad avere una poesia musicata? Questa poesia ha una nota a margine, all’interno della quale poi potrò aggiungere la dicitura: Musicata dal M° Nome e Cognome… Mica male, eh?

Beh, a questo punto, posso andare a letto felice!

Dolci sogni a tutti, a domani!

Annunci

6 pensieri su “Una strana sensazione di felicità

    • Buongiorno Bea, grazie per le tue parole; in effetti ieri sera ero felicissimo; adesso chiedo al Maestro di inamidarmi il testo, se lo ha a portata di mano, altrimenti, me lo procuro io stasera dalla cartellina, e domani inizio a lavorarci… Tu come stai?
      Un caro abbraccio Luca

      Mi piace

      • TI sto scrivendo, e tu esi già in compagnia di Morfeo… con il gtesto da rivedere sono ancora in alto mare; l’ho letto piùdi una volta, ma senza cavare il proverbiale ragno dal buco; m elo osno portato al lavoro, ma venerdì ho dimenticato di riportarmelo acasa per poterci perdere un po’ di tmpo nella “quiete” casalinga… bon, non importa, al limite riprendo lunedì senza problemi, e se poi non riesco, pace.
        Piuttosto, non vedo l’ora che il Maestro del coro finisca la musica al mio testo; sono così curioso di toccarlo con mano, e pregustare la bellezza del fatto che la musica del Maestro del Coro abbia avvolto una mia poesia… Sai che bello, inserire nella nota a fondo pagina di quella poesia la dicitura “Musicata dal Maestro [nome e cognome]”? Non succede mica tutti i giorni una cosa del genere! 😉
        Buonanotte Bea, grazie per l’interessamento.
        Ti lascio un abbraccio grande, che ormai ti avvolgerà tra le sue spire domani. 😉

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...