Una poesia

Non è mia, ma ciclicamente mi torna in testa, per non so quale motivo, per cui la posto qui: magari non la conoscete, o soltanto nonve la ricordate, dopo averla studiata molti anni fa sui banchi di scuola. La poesia è stata scritta il 22 luglio 1843 da G. G. Belli, come presa in giro della nobiltà del suo tempo Eccola qui sotto:

Il saggio del Marchesino Eufemio

A dì trenta settembre il marchesino,
D’alto ingegno perché d’alto lignaggio,
Diè nel castello avito il suo gran saggio
Di toscan, di francese e di latino.

Ritto all’ombra feudal d’un baldacchino,
Con ferma voce e signoril coraggio,
Senza libri provò che paggio e maggio
Scrivonsi con due g come cugino.

Quinci, passando al gallico idïoma,
Fe’ noto che jambon vuol dir prosciutto,
E Rome è una città simile a Roma.

E finalmente il marchesino Eufemio,
Latinizzando esercito distrutto,
Disse exercitus lardi, ed ebbe il premio.

Annunci

6 pensieri riguardo “Una poesia

  1. Non ricordo di averla mai studiata a scuola, ma mi piace molto il tono ironico che riesce ad avere, nonostante l’epoca che, probabilmente, prevedeva automatica reverenza di fronte alla ricchezza…
    Grazie Luca, anche oggi ho imparato qualcosa di nuovo!

    Piace a 1 persona

      1. Sono contento che ti piaccia quest’idea! Ora penso a quale inserire (inclusa quella che hai già letto), poi la strutturo! Grazie del tuo parere! 😉

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...