Fine e sedimentazione

Il mio nuovo scritto è finito. È un lavoro diverso da quelli scritti finora; al centro della vicenda, infatti, non c’è l’amore, come nei racconti scritti fino ad ora, ma una vicenda del tutto diversa: la storia di una donna con un passato turbolento, miserevole, fatto di stenti e povertà! L’idea di scrivere una cosa del genere mi frullava già da un po’ in testa, poi, la lettura di un libro ha reso possibile questo progetto. Il libro in questione è Vite di Madri, di Emma Fenu.

Non so se sono riuscito nel mio intento di dare l’impressione di descrivere un passato molto brutto per la Donna che ne è protagonista; so però che ho cercato di immedesimarmi, da uomo, in situazioni prettamente femminili: spero di esere riuscito a darne un’idea, quanto meno attendibile.

Da tempo, al termine dei miei scritti, ho l’abitudine di mettere una data. Dalla data di chiusura di questo scritto, il testo non è stato più toccato in alcun modo: è qui, sul pc, che sta sedimentando, in attesa che abbia di nuovo qualche idea, oppure, di considerarlo definitivamente terminato. Al termine di questo periodo, lo sottoporrò al giudizio di una cara Amica, cui ho chiesto di darmi un parere: positivo, o negativo che sia.

Annunci

5 pensieri su “Fine e sedimentazione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...